"Lo yoga è stato il centro della mia ricerca fin dall'inizio. E continua a esserlo. Sono un uomo che cerca, come tutti, la medesima cosa da sempre: la realtà. Lo yoga è talmente meraviglioso che vi trovo qualcosa di sconosciuto ogni giorno. E' infinito. Non ci sono limiti alle possibilità dello yoga che sono le stesse possibilità dell'essere umano nella sua interezza, possibilità infinite. E' la meditazione che rende più vicine le cose infinite che sono dentro l'essere umano. Per quanto riguarda la meditazione non ci sono definizioni. Si tratta semplicemente di abbandonare questo piano di esistenza per raggiungere il piano dell'esistenza assoluta, dello spettatore ultimo che è il nostro essere reale. Un cambiamento di piano coscienziale che ci lascia senza parole al ritorno. Come quando si sogna di notte e, al risveglio, non si ricorda più nulla. Sul piano di coscienza che si raggiunge in meditazione le cose sono differenti, sono come sogni dimenticati. Quel che io sono realmente devo scoprirlo attraverso la meditazione.
Non è un processo intellettuale, ma qualcosa che bisogna provare direttamente.Penso di sì. Ma non sai mai se è veramente così. E' un processo in cui si continua a scoprire ogni giorno nuove cose su se stessi e lo si può fare solo attingendo alle profondità della coscienza. Si tratta sempre di scoprire noi stessi, di scoprire la realtà. Vivendo sul piano di coscienza ordinario crediamo che gli oggetti esistano per come li vediamo e sperimentiamo, ma non è vero. Si tratta solo di un'illusione. E' lo stesso punto di vista della fisica quantistica quando spiega come le cose da noi credute dure e compatte siano in realtà vuote, e ci appaiono così grazie al vorticoso ruotare degli elettroni attorno agli atomi. La missione della scienza è di scoprire. Ma per lo yogi tale realtà si disvela a livello intuitivo e profondo, senza ricorrere allo strumento intellettuale. Qualche scienziato, intuendo la realtà profonda delle cose, ha perduto il senno, quasi che la visione dell'Assoluto possa scardinare la mente... Non accade in meditazione. Accedendo a livelli profondi di coscienza possiamo comprendere l'universo intero. Comprendere cosa è e cosa significa l'universo. Tutte le religioni forniscono mezzi per raggiungere il divino, tutte le religioni sono valide. Lo yoga non è una religione, non è in conflitto con le fedi sistematizzate. Lo yoga assicura solamente i mezzi per meglio realizzare una determinata religione. Dunque praticando lo yoga un cattolico diventerà un miglior cattolico, un ebreo diventerà un miglior ebreo e così sarà per un musulmano. Persino l'ateo diventerà un miglior ateo.”

(Andrè Van Lysebeth)



Yoga del Cuore
Hatha Yoga Van Lysebeth
Yoga del Cuore
Hatha Yoga Van Lysebeth
Scarica qui l'opuscolo del corso di
Hatha Yoga Van Lysebeth